La scienza può giocare un ruolo determinante nella risoluzione delle più urgenti sfide globali se sfruttata appieno nel suo potenziale, in ognuna delle tre fasi cruciali, ovvero: la comprensione dei problemi, la definizione di politiche globali e l’attuazione efficace di queste ultime.

Infatti, con l’adozione, nel 2015, dell’agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile, le scienze si ritrovano nel cuore delle sfide fondamentali. Numerosi obiettivi dell’agenda 2030 necessitano di un appoggio scientifico e di un transfert importante delle tecnologie per la loro attuazione.

Tra le sfide che riguardano i cambiamenti climatici, la COP21 ha adottato un accordo che coinvolge tutti gli Stati e che ha come obiettivo la limitazione del riscaldamento climatico.

All’UNESCO, 195 paesi lavorano insieme per migliorare la cooperazione scientifica internazionale in numerose discipline e in particolare negli ambiti che, come indicato precedentemente, necessitano imperativamente di una cooperazione inter governativa, come per esempio l’oceanografia, l’idrologia o la prevenzione delle catastrofi naturali.

Attraverso i suoi programmi scientifici, l’UNESCO contribuisce sia alla diffusione del sapere che alla diffusione dei risultati. L’UNESCO aiuta i Paesi in via di sviluppo a costruire infrastrutture di ricerca per rafforzare le loro capacità. L’UNESCO non è un organismo di finanziamento della ricerca. Il lavoro viene svolto principalmente attraverso una rete di collaborazione tra ricercatori di diverse discipline e di diverse parti del mondo.

Al di fuori della collaborazione internazionale e regionale, uno degli obiettivi essenziali del lavoro scientifico dell’UNESCO è quello di fornire consigli strategici ai responsabili decisionali e di integrare meglio la scienza nelle decisioni politiche, come per esempio nella realizzazione degli obiettivi dello sviluppo sostenibile.

Allo stesso modo, quando emergono tensioni tra gli Stati, i loro dirigenti possono rispondervi in maniera più efficace se capiscono e si mettono d’accordo sulle prove scientifiche che spiegano le cause profonde di queste tensioni.

L’UNESCO svolge il suo lavoro scientifico sia nelle scienze esatte e naturali che nelle scienze sociali.

Nelle scienze sociali, che comprendono anche le scienze umane, la filosofia e l’analisi prospettica, l’UNESCO si occupa della ricerca sui cambiamenti sociali come priorità. L’UNESCO elabora sia direttive che principi etici della ricerca nella scienza e nella tecnologia.

Loading...